1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (4 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...

Il dialetto napoletano è uno dei più celebri e diffusi dialetti italiani: grazie anche alle tante canzoni popolari (una su tutte, ‘O sole mio) è conosciuto in tutto il mondo. Si tratta di un dialetto dai suoni melodiosi e che ispira allegria, con i suoi modi di dire scanzonati e divertenti.

Per impratichirsi nella pronuncia del napoletano e approfondirne la conoscenza, ecco una raccolta di scioglilingua napoletani tra i più difficili e divertenti. Per ognuno è presente la traduzione in italiano del loro significato.

Scioglilingua Napoletani

‘Into a tre casce, cascette e casciune: stanno tre lazze, lazziette e lazziune.

Dentro tre casse, cassette e cassoni: ci sono tre lacci, laccetti e laccioni.

Lo munno monna.

Il mondo spoglia.

Paro para piglie, e para piglie paro.

Un pari prende una pari, e una pari prende un pari.

Jenno, venenno, mellune cuglienno; a ddenocchiune cuglienno mellune.

Andando, venendo, cocomeri raccogliendo; in ginocchio raccogliendo cocomeri.

Pascale spaccaje a capa a me, io nun riesci e spacca’ a capa a Pascale.

Pasquale mi spaccò la testa, ma io non sono capace di spaccare la testa a Pasquale.

P’ ‘a via ‘e Pavia, pav’io.

Lungo la strada per Pavia, pago io.

Chi porta ‘o puort ‘e porte aperte, parte d’o puort.

Chi si reca al porto e trova le porte aperte parte dal porto.

Lu princepe de Caiazzo, venette a Nàpule p’accattà’ tazze. Se vutaie Nàpule e Cajazzo, ca a Caiazzo nu’ ce stanno tazze, ca lu princepe de Caiazzo va a Nàpule p’accattà’ tazze.

Il principe di Caiazzo, venne a Napoli per comprare tazze. Si girò Napoli e Caiazzo, ché a Caiazzo non ci sono tazze, che il principe di Caiazzo va a Napoli per comprare tazze.

Nun t’acala’, che m’acale i’; si tu t’acale, io nun m’acala.

Non abbassarti, mi abbasso io; se ti abbassi tu, non mi abbasso io.

Nnanze Palazzo nce sta ‘na capo de cane pazzo; dàlle mazze e pane a ‘sta capo de pazzo сапe.

Davanti al Palazzo c’è una testa di cane pazzo, dagli busse e pane a questa testa di pazzo cane.

A ccuoppo cupo poco pepe cape; e ppoco pepe capo a ccuoppo cupo.

In cartoccio stretto può entrare poco pepe; e poco pepe può entrare in un cartoccio stretto.

Tre casce, tre frezze, tre còfene ‘e munnezza; tre casce ‘ncasciate, tre còfene ‘ncufanate; tre frezze ‘nfrezzate.

Tre casse, tre frecce, tre corbelli di spazzatura; tre casse incassate, tre corbelli incorbellati, tre frecce infreciate.

Ràlle ‘rì ‘ra’ cà rì ‘ra’ ll’jà rà.

Dagli due grani (moneta) che due grani gli hai da dare.

A tacco curto, e pure curto tacco; e pure curto tacco, a tacco curto.

A tacco corto, e pure corto tacco; e pure corto tacco, a tacco corto.

‘A batessa ‘e Pirepilessa venette a Nàpule sentì’ messa, se vutaie ‘a batessa ‘e Nàpule ‘nfaccia â batessa ‘e Pirepilessa: pecchè si benuta a Nàpule a sentì’ messa? Pecchè, a Pirepilessa nun ce stanno messe?

La badessa di Pirepilessa venne a Napoli a sentir messa, si voltò la badessa di Napoli verso la badessa di Pirepilessa: come mai sei venuta a Napoli per sentir messa? Perchè, a Pirepilessa non ci sono messe?

‘O pane ‘e Puzzulo è scarzo e crudo e chello ‘e Palazzo è crudo e scarzo.

Il pane di Pozzuoli è scarso e crudo e quel di Palazzo è crudo e scarso.

Sotto nu’ palazz c’è stàn tre cap e can pazz: na cap e can pazz e uno, na cap e cane pazz e due, na cap e cane pazz e tre.

Sotto un palazzo ci stanno tre teste di cane pazzo: una testa di cane pazzo e uno, una testa di cane pazzo e due, una testa di cane pazzo e tre.

Ngopp’a nu muro cuglienno mellune; jenno, venenno, mellune cuglienno.

Su un muro raccogliendo cocomeri; andando, venendo, cocomeri raccogliendo.

Tre tàz a strèt in’ da tre strèt taz.

Tre tazze strette in tre strette tazze.