1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (4 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...

Diffuso in tutto il mondo anche grazie alle numerosi canzoni, il dialetto napoletano incarna perfettamente lo spirito della città di Napoli e dei suoi abitanti, con tutti i suoi pregi, difetti e contraddizioni. Una città con una storia antichissima e una tradizione culturale millenaria, plasmata dalle dominazioni dei vari popoli che si sono succeduti nel governo della Campania.

I proverbi napoletani sintetizzano perfettamente lo stile di vita partenopeo: contengono, in poche parole, perle di saggezza che si sono tramandate di padre in figlio, fino ai giorni nostri. Quella che segue è una raccolta di Massime, Detti e Proverbi Napoletani tra i più belli della tradizione campana: sempre divertenti, celano – talvolta in modo colorito – preziosi insegnamenti di cui fare tesoro.

Massime, Detti e Proverbi Napoletani (con significato)

Dio te guarda da ‘e pezziente sagliute.

Dio ti guardi dal pezzente arricchito.

Quann’ ‘o mare è calmo, ogni strunz è marenaro.

Quando il mare è calmo, ogni stupido è marinaio [Quando le cose vanno bene sono tutti bravi].

Si ‘o ciuccio nun vo’ vevere, hai voglia ‘e sischià.

Se l’asino non vuole bere, hai voglia di fischiare [Non insistere con chi proprio non vuole fare una cosa.].

Tre songo ‘e putiente: ‘o rre, ‘o papa e chi nun tene niente.

Tre sono i potenti: il re, il papa e chi non possiede niente.

‘E femmene tèneno ‘e lacreme ‘int’ ‘a burzetta.

Le donne hanno le lacrime nella borsa [sempre pronte].

Quann’ ‘o mellone jesce russo, ognuno ne vo’ ‘na fella.

Quando il cocomero esce rosso, ognuno ne vuole una fetta.

‘O pesce fète d’a capa.

Il pesce puzza dalla testa [Quando c’è un problema la colpa è di chi comanda].

Sul’à morte nu”nc’è rimedio.

Soltanto alla morte non c’è rimedio.

Varva bona ‘nzaponata, è meza fatta.

La barba ben insaponata è già per metà rasata [Chi ben comincia è a metà dell’opera].

Robba ‘e mangiatorio, nun se porta a cunfessorio.

I peccati di gola non si portano nel confessionale.

L’ammore fa passà ‘o tiempo e ‘o tiempo fa passà l’ammore.

L’amore fa passare il tempo e il tempo fa passare l’amore.

Una ce ne steva bona, e ‘a facettero Maronna.

C’era una sola donna buona e la fecero Madonna.

‘O sàzio nun crére a ‘o diùno.

Chi è sazio non crede al digiuno.

Chi cumanna nun suda.

Chi comanda non suda.

A chi parla areto ‘o culo ‘o risponne.

A chi parla alle spalle, il sedere gli risponde [Parlare dietro alle persona porta verso cattive risposte].

Meglio nu ciuccio vivo, ca nu duttore muorto.

Meglio un asino vivo che un dottore morto.

Ntiempo’e tempesta, ogne pertuso è puorte’.

In tempo di bufera ogni pertugio è porto [In tempi difficili anche il più piccolo appiglio è una salvezza].

Chi tene che magna’ nun ave a che penzà.

Chi ha da mangiare non ha nulla di cui preoccuparsi.

Nce stanno uommene, uommenicchie, uommenone e quaquaraquà.

Ci sono uomini, ometti, omoni e nullità.

Senza renàre nun se càntano mésse.

Senza denaro non si cantano messe [Nulla si ottiene senza denaro].

A’ vita è n’apertura e cosce e ‘ na chiusura e cascia.

La vita è un’apertura di cosce e una chiusura di cassa [Riferito al ciclo vitale].

‘E figlie so’ ppiezz’ ‘e còre.

I figli sono pezzi del proprio cuore.

Bone parole e triste fatte ‘ngànnano li sàpie e li pazze.

Belle parole e tristi fatti ingannano i saggi e i pazzi.

A ‘o core nun se cummanna.

Al cuore non si comanda.

Vene cchiù ‘ntra n’ora, che’n cient’anne.

Possono accadere più cose in un’ora che in cento anni.

‘O munno è munno: chi saglie e chi va a funno.

Il mondo è mondo: c’è chi sale e chi va a fondo.

‘A femmena pe’ l’ommo addiventa pazza, l’ommo p’ ‘a femmena addiventa fesso.

La donna per l’uomo impazzisce, l’uomo per la donna rimbecillisce.

Aniello ‘ca nun se pava nun se stima.

Un anello che non si è pagato non si stima.

Male nun fa’ e paura nun avé’.

Male non fare e paura non avere.

Chi te vo’ bene cchiù de mamma, te ‘nganna.

Chi ti vuole bene più della mamma, ti inganna [Non fidarti di chi è troppo gentile].

Càrte e ddònne fànno chéllo che vvònno.

Carte e donne fanno quello che vogliono.

Se pigliano chiù mosche cu’ ‘na goccia ‘e mele che cu’ ‘na votta ‘e acito.

Si prendono più mosche con una goccia di miele che con una botte d’aceto [Con la gentilezza si ottiene di più].

Frije ‘e pisce e guarda ‘a jatta.

Friggi il pesce, ma guarda alla gatta [Meglio fare sempre attenzione].

‘Mparate a parlà, no a faticà.

Impara a parlare, non a lavorare.

Quann’ ‘o diavulo t’accarezza, vo’ ll’ ànema.

Quando il diavolo ti accarezza, vuole l’anima.

Chi pecora se fa, ‘o lupo s’ ‘o magna.

Chi si fa pecora, il lupo se la mangia [Per non essere sopraffatti è eglio non avere un atteggiamento dimesso].

Panariello va, panariello vene, l’amicizia se mantene.

Un paniere va, uno viene, l’amicizia si conserva [L’amicizia deve essere reciproca per durare].

A ppava’ e a mmuri’, quanno cchiù tarde è pussìbbele.

Per pagare e morire, c’è sempre tempo.

Chi è povero ‘e denaro è ricco ‘e core.

Chi è povero di denaro è ricco nel cuore.

E solde fanno venì ‘a vista ‘e cecate.

I soldi fanno tornare la vista ai ciechi [Il denaro può tutto].

Omme senza vizi è menesta senza sale.

L’uomo senza vizi è una minestra senza sale, ovvero è insipido.

Tiene famme? E datte a morze ‘e mmane! Tiene sete? E datte a morze ‘e ddete!

Hai fame? E prendi a morsi le mani! Hai sete? E prendi a morsi le dita! [Bisogna sapersi adattare]

O core nun se fa màje viècchio.

Il cuore non invecchia mai.

‘A raggiona è d’e fesse.

La ragione è degli stupidi.

Pietto forte vence mala sciorta.

Un animo risoluto vince la cattiva sorte.

Chi chiagne fotte a chi ride.

Chi si lamenta tanto sta meglio di chi non lo fa.

‘O scarparo porta ‘e ppeggio scarpe.

Il calzolaio porta le scarpe peggiori [Chi lavora per gli altri non ha più tempo per sé].

Ogne brutto cane tene na bella coda.

Ogni brutto cane ha una bella coda [C’è del bello ovunque se lo si cerca].

E deritte moreno pe’ mmane d’ ‘e fessi.

Gli intelligenti muoiono per mano degli stupidi [Farci accompagnare da persone stupide ci danneggia].

Parte ricchezza e addeventa puvertà.

Dividi la ricchezza e diventerà povertà.

‘O cummanna’ è meglio d’ ‘o fottere.

Comandare è meglio che copulare.

С’o vino pure ‘o saputo addiventa animale.

Col vino anche una persona colta diventa un animale.

Primmo, penza, a te; po’, a li tuoje; po’, a chi puoje.

Per primo pensa a te, poi a chi ti sta vicino, poi agli altri.

Quanno uno s’à da mbriacare è meglio che se mbriacasse de vino buono.

Quando ci si deve ubriacare è meglio farlo con del vino buono.

Ommo ‘nzurato, ommo ‘nguajato.

Uomo sposato, uomo inguaiato.

‘A briscola se joca co’ e denare.

La briscola si gioca con i denari [senza soldi non si può fare nulla].

‘O nniente è sempe niente.

Il niente è sempre niente.

Pazzo chi joca e pazzo chi nun ghioca.

Pazzo chi gioca e pazzo chi non gioca [Nella vita è folle rischiare, ma lo è anche non farlo].

Nun sputà n’ciel ca n’facc te torna.

Non sputare in cielo perchè ti ricadrà in faccia.

‘O pastore c’avanta ‘o lupo nun vô bene ‘e pecore.

Il pastore che vanta il lupo non vuol bene alle pecore [Bisogna scegliere da che parte stare].

Chi nasce afflitto more scunzulato.

Chi nasce pessimista, muore sconsolato [I pessimisti non saranno mai felici].

‘A femmena ciarliera è ‘na mala mugliera.

La donna chiacchierona è una cattiva moglie.

‘E chiacchiere s’ ‘e pporta ‘o viento; ‘e maccarune jengheno ‘a panza.

Le chiacchiere se le porta il vento; i maccheroni riempiono la pancia [Le parole sono incosistenti].

Meglio murí sazzio ca campà diúno.

Meglio morire sazio, che vivere digiuno.

‘A lira fa ‘o ricco, a crianza fa o’ signore.

I soldi fanno il ricco, ma è l’educazione a fare il signore.

Quanno ‘o diavulo tuoio jeva a’ scola, ‘o mio era maestro.

Quando il tuo diavolo andava a scuola il mio era già maestro [non pensare di fregarmi].

Ogni capa è ‘nu tribunale.

Ogni testa è un tribunale [Siamo tutti pronti a giudicare].

‘A cuntentezza vene da ‘o core.

La gioia viene dal cuore [La felicità va cercata dentro di noi].

‘A meglio parola è chela ca nun se dice.

La parola migliore è quella che non si dice [A volte è meglio tacere].

Ogni scarrafone è bello ‘a mamma soja.

Chiunque è bello agli occhi della propria madre.

Nun c’è sabbato senza sole, nun c’è femmena senz’ammore.

Non c’è sabato senza sole, non c’è donna senza amore.

O’ sparagno non è mai guadagno.

Il risparmio, non è mai un guadagno [Attenzione a quello che ci viene proposto in offerta].

E mmalatìe veneno a cavallo e se ne vanno ‘a ppère.

Le malettie vengono a cavallo e vanno via a piedi [Ad ammalarsi si fa in fretta, mentre per guarire ci va tempo].

Quanno lo malanno vò venire, trase pe le spaccazze de la porta.

Quando la malattia vuole venire, entra dagli spiragli della porta [Per certe disgrazie non c’è rimedio].

Ogne bella scarpa cu’ ‘o tiempo addiventa scarpone.

Ogni bella scarpa col tempo diventa scarpone [Anche le cose più belle col tempo peggiorano].

Ommo senza denari anema morta.

Un uomo senza denari è come un’anima morta.

‘O regno ‘e Napule è ‘nu paraviso, ma è abitato da ‘e diavule.

Il Regno di Napoli è un paradiso, ma è abitato dai diavoli.

‘O pesce gruosso se magna ‘o piccerillo.

Il pesce grande mangia il piccolo [La legge del più forte].

Adda passà ‘a nuttata.

Deve passare la nottata [I guai prima o poi finiranno].

Fatte ‘na bbona annummenata e po’ va’scassanno chiesie.

Fatti un buon nome e poi vai pure a depredare le chiese [La reputazione è importante].

Ogni cane ca’ fuje sape ‘e fatt suoje.

Ogni cane che scappa sa i fatti suoi [Se qualcuno scappa c’è sicuramente un motivo]

‘A fortuna è comme l’anguilla: cchiù penzammo d’ ‘a putè agguanta e cchiù ‘nce sciulia.

La fortuna è come l’anguilla: quando credi di averla afferrata sfugge.

‘O bbene tanto se canòsce quanno se perde.

Il bene si conosce quando si è perso [Ci rendiamo conto del valore delle cose quando ormai non ci sono più].

Non dicere, quanto saje; non fare, quanto puje; nun te magna’, quant’haje.

Non dire quanto sai; non fare quanto puoi, non mangiarti quanto possiedi.

Nisciuno è nato ‘mparato.

Nessuno è nato istruito.

Chi fatica magna chi nun fatica magna e beve.

Chi fatica mangia, chi non fatica mangia e beve.

Storta va, deritta vene.

Storta va, diritta viene [Anche se qualcosa parte male, la si può ancora aggiustare].

Giacchino mettette ‘a legge e Giacchino fuje ‘mpiso.

Gioacchino (Murat) istituì la legge e fu impiccato [Chi è causa del suo mal, pianga se stesso].

Dio è lungariéllo, ma nun è scurdariéllo.

Dio è lento ad intervenire, ma non è smemorato.

Co ‘a vocca chiusa nun traseno mosche.

Con la bocca chiusa non entrano le mosche [a volte è meglio tacere].

L’amico è comme’ ‘o ‘mbrello: quannno chiove nun o truove maje.

L’amico è come l’ombrello, quando piove non lo trovi mai.

Sulo Dio è necessario.

A parte Dio, nessuno è necessario.

L’amico vero nun dicette, ma facette.

L’amico vero non disse, ma fece.

‘A Cunferenza è padrona d’ ‘a malacrianza.

Troppa confidenza porta alla maleducazione.

Primm’ e cunfett’ e poi e difett’.

Prima i confetti e poi i difetti [Dopo le nozze vengono fuori i difetti].

Tutto ‘o lassato è perduto.

Tutto il lasciato è perso.

Quanno ‘o tavernaro sta ‘mmocca â cantina, into nu’ ‘nc’è nesciuno.

Quando l’oste sta davanti alla sua taverna, dentro non c’è nessuno.

Vide Napole, e po muore.

Vedi Napoli, e poi muori [Non puoi morire senza prima aver visto Napoli].

Chi te vò bene te fa chiagnere.

Chi ti vuole bene ti fa piangere [Chi ti vuole bene ti dice le come come stanno, al costo di farti soffrire].

Tre cose, chi n’ave assaje, ne fa scafaccio: de denare, sanitate, libertate.

Tre cose chi ne ha, le disprezza: denaro, salute e libertà.