1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...

Insieme al napoletano, quello pugliese è uno dei dialetti parlati in Italia tra i più divertenti e allegri. A renderlo popolare hanno contribuito molte commedie e film, che lo hanno reso familiare al grande pubblico.

Molte espressioni in pugliese sono di difficile comprensione per chi non conosce questo dialetto: tra queste anche le imprecazioni e le parolacce, che spesso contengono vocaboli non direttamente traducibili in italiano e comunque sono pronunciate in un modo talmente contratto da complicare ulteriormente la comprensione del loro significato.

Quello che segue è un breve dizionario di Insulti, Imprecazioni e Parolacce in Pugliese con traduzione in italiano del significato. Fanne buon uso!

Insulti, Imprecazioni e Parolacce in Pugliese (con significato)

‘Mbam

Infame, colui che racconta fatti altrui che sarebbe meglio nascondere

‘Nghjemmon

Ottuso

Bzocc

Pettegola

Cagammèrd

Cagasotto

Calandron

Stupido

Calascion

Tonto

Canàte, fàccia lavàte. Sròche e nnòre, spina cammaràte

Cognata, faccia lavata. Suocera e nuora, spine velenose

Capacchion

Testone

Chedda cicchecciàcche de sòrete

Tua sorella non è monogama

Chèp d chiumm

Testa di piombo, testardo, sciocco

Chin d serchje

Pieno di sudiciume, stupido

Chin d siv

Testa piena di grasso equino, viscido

Chine d’mmerd

Pieno di merda, sporco dentro

Ciaciè

Ciacchierone

Ciò-Ciò

Stupido

Facce de prise

Faccia da cesso

Faccje du trè d baston

Faccia del tre di bastoni, brutto

Figghie de nu squicce appedùne

Figlio di puttana

Figghìe de scassàte chiàveche

Penso che tua madre intrattenga molteplici rapporti extraconiugali

Lurd

Sporco

Magghiat

Testa di ferro, insulto generico

Magghiaton

Grossa testa di ferro, insulto più pesante di “Magghiat”

Maladesegrazjedegghiavè

Che tu possa avere una disgrazia

Malanovedigghiavè

Che tu possa ricevere una brutta notizia

Malanovedigghiavè-diavel

Che il diavolo possa ricevere una brutta notizia; che tu, uomo diabolico, possa ricevere una brutta notizia

Mbam

Infame

Milamurt ca tin

Sia maledetta tutta la stirpe che ti ha generato

Mocche a chèdda chiàveche de màmete

In bocca a quella donnaccia di tua madre

Mocck’ a citammuert, stramuert e malmuert

Offesa ai defunti della persona a cui è indirizzata l’espressione

Muèzzecalacirt

Colui che morde le lucertole, persona astuta di cui è meglio non fidarsi

Murt ca tin

Sia maledetta la stirpe che ti ha generato. Insulto pesante

Na fèmmene, na pàbbere e nu puèrche fàscene reveldà nu paìse

Una donna, una papera e un porco mettono in subbuglio un paese

Quedda sbunnat’ d’mam’t cà s’rasck’ ‘mmizz quartier

Tua mamma va a letto con mezzo quartiere

Recchìone mbalzamàte

Gay da data immemore

Recchje d gomm

Orecchie di gomma, orecchie a sventola

Scapucchioni

Coglione

Scassat

Ragazza dai facili costumi

Scofanat

Persona in sovrappeso

Sgaglje

Sgallettata, frivola

Sorte de tremone

Grande coglione

Trmon

Atto di masturbazione maschile, coglione, sfigato

Trozzl

Trottola, persona che cambia troppo spesso partner

Uàuà

Persona di molte parole, ma di pochi fatti

Uè Rabbìne, sì ppèsce de mattarrèse

Perdindirindina, quanto sei avaro

Uèèè, la chìne de sive

Ciao, donna con molta sporcizia

Vaffammòche alle megghìe stramilamuèrte d’attande pe mò e de màmete mo ca iè

Maledico i tuoi cari defunti

Vaiass

Barbaro, volgare

Vrètte

Bettola, ragazza poco pudica o parecchio sudicia nei rapporti interpersonali