1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...

Il dialetto milanese è un dialetto lombardo parlato a Milano. Di derivazione latina, è detto anche meneghino, dal nome della maschera milanese Meneghino. Il vero dialetto milanese è ormai parlato da pochi, ma restano nell’uso comune tantissimi modi di dire, proverbi e anche… parolacce.

Qui di seguito abbiamo raccolto una ricca serie di Insulti e Parolacce in Milanese (con traduzione in italiano) tra i più divertenti e conosciuti. Si tratta di insulti quasi mai eccessivamente offensivi, ma comunque molto coloriti. Buona lettura.

Insulti e Parolacce in Milanese (con significato)

Fugnèin

Persona infida

Te se un sachèll

Sei uno stupido

Fa citu

Fai silenzio

Pantula

Imbranato

Va a ciapà i ratt

Vai a prendere i topi

Te se propri un pirla

Sei proprio un cretino

Bon per i cai!

Buono per i calli, cioè inutile

Te se un saccranomm

Sei un testone

Malamènt

Cattivo

Budriòtt

Ciccione

Macaròmm

Scemo

Rüatòmm

Sporcaccione

Teumm minga ul fiaa

Non stressarmi

Te se un zifùla

Sei proprio stupido

Va’ da via ai pe

Togliti dai piedi

Facia da cul de can da cacia

Faccia da culo di cane da caccia

Logia

Puttana

Balùrt

Poco di buono

L’ha becaa l’oca!

L’ha beccato l’oca, cioè è pazzo.

Va’ bèn a fèr dal pugnàt

Vai a farti delle seghe

Và a ‘drisàa i banan

Vai a raddrizzare le banane

Vanghétt

Zoticone

Va a dà via el cu!

Vai a dar via il culo

Sciòtt

Merda

Louch

Allocco

Lifròcch

Nullafacente

Vùnges

Vai a quel paese

Barabài

Poco di buono

Pirla

Stupido

Mazzàcur

Rozzo

Mena no el turun!

Non sparlare a vanvera!

Te ghè ciapà la vaca per i ball.

Stai facendo un lavoro sbagliato/al contrario.

Gneùcch

Uno con la testa dura, che non capisce

Tarloeùcch

Testone

Vai a ranare

Vai a prendere le rane

Và a mung al tor

Vai a mungere il toro

Loecch

Balordo

Va scuà l mar cun vert l’umbrela

Vai a scopare il mare con aperto l’ombrello

Va scuà l mar cun la furchèta

Vai a scopare il mare con la forchetta

Mbesüì

Tonto

Gugnéinn

Falso

Fesceù

Persona infida e scorretta

Scarliga merlüss che l’è minga el tò üss

Vai altrove che qui non è aria

Crapomm

Testa dura

Barlafùs

Persona sulla quale non si può fare affidamento

Ciaparàtt

Acchiapparatti, buono a nulla

Và a dà via i ciapp

Vai a dare via le chiappe

Và a Bagg a sonà l’organ

Vai a Baggio a suonare l’organo

Màrtul

Stupido

Dàgh una petenàda

Picchiatelo

Ciula

Stupido

Fencisciòmm

Sporcaccione

Va a scuà in duè che l’è nett

Vai a scopare dove è pulito

Uregia panada

Stupido

Balabiota

Rincoglionita

Fescia

Persona scorretta e traditrice

Và a cà a fa rusti’ el lacc

Vai a casa ad arrostire il latte

Va föra di pè

Fuori dai piedi

Aveg el coo d’una gajna

Avere la testa di una gallina

Ciùciamanuber

Fannullone

Và a tastà i gaijn

Vai a tastare le galline

Ma va a ciapal in del lisca

Vai a prenderlo nel culo

Fencìscc

Sporco

Cujòtt

Coglione

Uè, terun! Và a dà via i ciap!

Hei, terrone, vai a quel paese!

Và a cà a petenà i gaenn

Vai a casa a pettinare le galline

Bislungòm

Spilungone

Bigul de l’osti

Pirla di livello indecifrabile

Testina

Stupido

Va a fas dì in gesa

Vai in Chiesa a farti benedire

Và a munc l’ors con la paletta!

Va a mungere l’orso con la paletta!